Are you looking for something?

Bloglovin

Follow on Bloglovin

Teasing Thursday - L'allieva

Il connubio libri-trucchi potrà risultare bizzarro ai più, ma nella mia testa ha tutto senso. Ovviamente, avrebbe più senso ancora se avessi tempo per fare le cose meravigliose che succedono nella mia testa, ma ringraziamo gli esami se per oggi vi beccate soltanto la review di un libro.

Un libro che ho acquistato casualmente due anni fa, mentre ero in vacanza con i miei nel posto di sempre: stesso campeggio, stessa spiaggia, stessa gelateria, stesse passeggiate, stessa libreria che sin da bambina mi attraeva più delle giostre a gettoni due case più in là!
Lì ho trovato questa chicca, presa principalmente per la copertina: medicinali, trucchi, gioielli e una specie di sega per ossa o qualcosa di simile. Sono stata subito rapita!

Le 374 pagine si leggono decisamente in fretta, complice lo stile fresco dell'autrice e la storia accattivante. Devo dire di essere stata parecchio delusa dal finale, non era esattamente come me lo aspettavo, ma a conti fatti è sensato.
Niente fantasy, niente mostri, fate, streghe, non è nemmeno una storia per bambini, né un Bildungsroman ottocentesco: è un romanzo che parla di una ragazza come potremmo essere noi, studentessa di medicina che si sta specializzando in anatomopatologia (avete presente CSI? Ecco. Quelle cose lì.), che vive una vita decisamente incasinata ma emozionante.
Non si capisce bene di chi sia innamorata, cosa vuole fare della sua vita, se i suoi sogni andranno in porto; spesso le sue idee vengono cambiate dai piani degli altri personaggi, si lascia trascinare per ritrovarsi nel vortice degli eventi.

Insomma, se siete reduci di un periodo pesante, della sessione invernale degli esami, prendete questo libro, cercatelo in biblioteca, in formato digitale, se volete ve lo passo allo scanner (sto scherzando!), ma dovete leggerlo.
E smetterete di piangere dalla tristezza per ritrovarvi le lacrime agli occhi dalle risate!

Edizione TEA, prezzo 12,00€
Di Alessia Gazzola

, ,

Pupa Vamp! Cream Eyeshadow Burgundy - Review

Decantati, amati, criticati o lasciati negli stand per cugini più prestigiosi, i Cream Eyeshadow Pupa Vamp! sono sicuramente tra i prodotti di cosmesi più noti, soprattutto dopo l'iniziativa “Tutti pazzi per Pupa”, che li presentava a soli 5€ mostrando un coupon. Da lì sono diventati famosi sui red carpet di dozzine di blog.

Io sono riuscita a trovare il colore 501 Burgundy, dato che erano rimasti solo dei colori sul turchese o verde petrolio che non userei molto, dato che già possiedo un LLSE di quei colori.
In ogni caso, è stato un acquisto riuscitissimo.

Il packaging è essenziale: un vasetto di vetro spesso con tappo nero lucido. Non troviamo particolari informazioni, se non il contenuto (4,5g) e il PAO (12 mesi). L'INCI non è riportato da nessuna parte sulla confezione.

Il colore è spettacolare: è esattamente il color borgogna come lo immagino nella mia testa, brillantini esclusi. Il mix esatto tra marrone e viola, non eccessivamente scuro e modulabile. La scrivenza non è il massimo, con una passata lascia un velo di colore, che è quel che serve per essere presentabile al mattino alle 7 in treno, ma calcando la mano il colore si riesce a far notare. La durata è eccellente: da solo dura 5/6 ore senza andarsene, con un primer anche 12 ore. In realtà preferisco applicarlo con un primer per far risaltare il suo colore, dato che come base non lo utilizzo praticamente mai.

Un lato negativo è la confezione che obbliga il prelievo tramite “pucciata”, lasciando così le dita sporche, poiché con un pennellino si preleva decisamente troppo prodotto, creando l'effetto chiazza (ma forse sono io a non essere capace di usare i pennelli).

Tutto sommato il prodotto lo trovo ottimo, forse il prezzo è eccessivo (credo sia intorno ai 11/12€, anche a seconda delle profumerie), ma vale assolutamente i 5€ che ho pagato io! Lo trovate, naturalmente, in un sacco di profumerie, ovunque ci sia Pupa insomma, dall'OVS all'Acqua&Sapone, passando per il Tigotà. E non ricordo dove altro ho visto Pupa.

Magari prossimamente, non a prezzo pieno, prenderò qualcosa di azzardato... magari.

, , , , , , , , , , ,

PaciugoPedia #6 - Il verde dorato che mi ha illuso

Siete mai state messe di fronte a dosi di incapacità coi pennelli da far urlare persino il vostro gatto? Avete mai avuto paura che un ombretto mal sfumato nella piega vi potesse contagiare? Temete i tentativi di qualche novellina?
Se siete abbastanza coraggiose, avventuratevi nel post; altrimenti cliccate la X rossa, stolte!

Questo paciugo mi ha inizialmente esaltata a causa di quel verde dorato nell'angolo interno, ma poi si è rivelato pieno di insidie.
Ho iniziato dando una apparente forma con un grigio, poi sfumato gradualmente due blu fino a arrivare all'azzurro intenso, usando sempre lo stesso pennello, per pigrizia e perché così i colori erano “naturalmente” sfumati assieme. Poi ho messo un verde pallidissimo nell'angolo interno e sfumato un po' di verde acido e il verde dorato di cui parlavo sopra.

Ovviamente avrete capito tutto di come ho fatto, no?
L'ultima parte è stato l'azzurro chiarissimo che si sfuma con il verde pallido, che però è sparito immediatamente.

Niente di nuovo sul fronte base, BB Cream e correttore a volontà (anche se la mia pelle sembra reagire bene al prossimo esame). Sulle guance ho usato il blush di Shaka 090 Romantic, un nuovo acquisto che si aggiunge al numero tendente a infinito di blush pescati in mio possesso.

Sulle labbra ho “sperimentato”, cercando di mettere un gloss scuro su una matita chiara, ma il gloss è scivolato via. Letteralmente.

Siate clementi verso un tentativo malriuscito.

Occhi
Kiko Eye Base Primer
Deborah (grigio preso da una palettina)
Essence 3D Eyeshadow 05 irresistible blue sky
Miss Broadway Colore 3 ombretto cotto 2499 (verde pallido)
Kiko Infinity Eyeshadow 260
Electric Eyes Palette (azzurro e verde)
Fräulein 3°8 120 colori Twist and Calm (blu scuro)
Avon Smooth Minerals Kajal
Avon Sonic Boost Vibrating Mascara

Viso
BB Cream Garnier pelle mista o grassa
Illamasqua Under-Eye Concealer 200
Shaka Blush 090 Romantic

Labbra
Elf Matte Lip Color Coral
Kiko Super Gloss 107

, ,

Crema rigenerante all'Olio di Cocco - Review

Finalmente una review!
Dopo secoli di tag, haul e chiacchiere varie, finalmente un post serio. O almeno un tentativo.
E parliamo di un prodotto per capelli.

La crema rigenerante all'Olio di Cocco della Mil Mil Professional è stata l'aiuto più grande che io abbia mai dato ai miei capelli durante la scorsa estate. So che sto parlando di mesi fa, ma tuttora è una valida alleata, nonostante sulla confezione sia specificato che è un prodotto per capelli medio-lunghi o lunghi, e i miei nemmeno sfiorano le spalle.

La confezione apparentemente è enorme (500ml). E lo è. Esiste anche la versione da 1000ml, ma finire quella potrebbe diventare la tredicesima fatica di Ercole. Sull'etichetta troviamo riportati tutti i dettagli fondamentali, come il PAO di 12 mesi e l'INCI (che trovate nella foto sotto).
Vedo un bel Paraffinum Liquidum addirittura prima dell'olio di cocco. Per essere una che di INCI non capisce nulla, credo che non sia un buon segno. Se volete molto molto bene ai vostri capelli e usate prodotti verdi, potreste voler volare verso altri lidi.
Il contenuto è una crema bianca molto morbida e densa, dal deciso odore di cocco, come il famoso balsamo Splend'or, che tutte abbiamo usato almeno una volta nella vita. La sua funzione è principalmente quella di districare e eliminare i nodi dai capelli lunghi. È consigliata l'applicazione come impacco dopo lo shampoo, lasciandolo agire per 3 minuti e risciacquandolo.

Ma se i miei capelli sono lisci, corti e i nodi si formano solo quando dormo con mollette nei capelli, a cosa è servito questo prodotto? Per chi se lo forse perso, io lavoro in piscina come bagnina e da quest'anno come istruttrice di nuoto, quindi i miei capelli sono torturati dal cloro e dai frequenti shampoo. Questa estate, per la prima volta nella mia vita, i miei capelli tendenzialmente grassi si sono rivelati capaci di seccarsi. I primi segni miracolosi li ha procurati il balsamo al cocco Splend'or, rendendoli più lucidi e più resistenti; visto che il cocco pareva funzionare, ho trovato questa crema e me la sono portata a casa. Non la ho usata ogni volta che ho lavato i capelli durante l'estate, perché sarebbe stata decisamente troppo, ma una volta a settimana dopo la doccia la usavo come se fosse un balsamo, stendendone una noce e massaggiando per il tempo di una canzone (nuovo indicatore di tempo!); dopo il risciacquo la sensazione era quella di avere i capelli decisamente più spessi e morbidi.

Ora che l'inverno è arrivato e in piscina non sono più ogni giorno, la crema la uso ogni due settimane e solo sulle punte. Penso sia un buon risultato il fatto che, da quando la applico, non ho più dozzine di doppie punte e i capelli non gridano più pietà di fronte al phon!

L'ho acquistata nel supermercato accanto alla piscina in cui lavoro per meno di 2.50€ (non ricordo il prezzo esatto), decisamente poco per molto contenuto, tra l'altro ottimo.
Se avete capelli lunghi e facilmente annodabili, che districate solo con la Tangle Teezer, fateci un pensierino. Se volete che i vostri capelli sappiano di cocco e siano morbidi, pensateci pure voi!

,

Nars Gold Digger - Review

Questa mini size del Larger than Life Lipgloss mi è stata data da una commessa di Sephora quando ho acquistato, prima di Natale, un paio di cosette (per 7€). Mi ha lasciata spiazzata, non mi aspettavo che mi avrebbe dato qualcosa di Nars (immaginatemi pure con gli occhi spalancati), quindi non sono nemmeno andata a indagare su che colori avesse da darmi. Ho preso e per un giorno sono rimasta incredula.

Gold Digger è un gloss. Lo ripete in svariate lingue la scatola di cartoncino nero. E lo capirete dalla primissima applicazione.
Tutto è molto quadrato, soprattutto il vero e proprio contenuto della scatolina, in plastica resistente e con un tappo che favorisce la presa (non è liscio, ma nemmeno ruvido, quando troverò l'aggettivo adatto ve lo descriverò meglio). L'applicatore è molto sottile, ottimo per eventuali linee precise, ma lo trovo fastidioso sulle labbra, come se facesse il solletico.

Il colore è a prima vista un rosa pescato chiaro con brillantini ton sur ton (Sparkling peach shimmer, sul sito). Niente di simile avrete sulle labbra, se non una passata di appiccicosissima brillantezza. Sulle mie labbra, pigmentate di loro, l'effetto non è male, ma su labbra più chiare non so come sia.
La durata è molto soggettiva. Se non mangio, non bevo, non parlo, non muovo le labbra resiste anche un paio d'ore. Sparisce dopo due sorsi d'acqua, una cucchiaiata di Nutella e non dura nemmeno un bacio.
Data la sua natura di gloss, è probabile che ve lo ritroviate ben oltre il contorno labbra.
È però veramente utile come punto luce su altri rossetti o matite labbra, sempre che tolleriate la sensazione veramente appiccicosa di questo gloss.

La mini size contiene 3.5ml di prodotto e il PAO è 9 mesi. L'inci è riportato sulla scatola (purtroppo le foto che ho fatto facevano pena, è praticamente introvabile in rete, quindi appena il tempo è decente aggiorno qui!) Controllando, il primo è un pallino giallo, poi olio di jojoba, e un paio di pallini verdi. Oltre non mi avventuro, rimanete sintonizzati per saperne di più!

Tirando le somme, non è esattamente tra i miei prodotti labbra preferiti, soprattutto per l'alone appiccicoso che lascia, nonostante sia sparito ogni accenno di shimmer e mi sia struccata. Come punto luce se la cava egregiamente. Forse con colori più decisi (come Como, è stupendo) si potrebbe tollerare il fastidio, ma penso che questo rosino smortino non ne valga la pena.

La full size costa 25€, la trovate naturalmente sul sito di Sephora. Dateci un'occhiata, se vi interessa qualche colore. Ma Gold Digger lasciatelo pure là.

, , , , , , , , ,

PaciugoPedia #5 - ritardi, marronazzo e riflessi oro.

Recupero, piano piano, le varie PaciugoPedie che ho lasciato indietro (mentre aspetto che Svampi annunci la 2.0!). E oggi c'è il marronazzo, quel marrone con un tocco rosa antico che, lo ammetto, in foto non l'ho preso.
Zero assoluto.
Sembra tutto così oro, eppure dal vivo era marroncino.

È pur vero che ha nevischiato/piovuto, insomma è grigio, e che avevo le luci accese in camera, ma non mi aspettavo questi riflessi.

Comunque, ho steso la base, poi sfumato nella piega, poi aggiunto un po' di pigmenti. E poi mascara. Tanto. Perché stavolta non lo dimentico.

Sì, non è assolutamente nulla di speciale, e al posto dell'eyeliner ho preferito la matita nera (almeno questa la so gestire), ma mi sono parecchio divertita a farlo.

Viso
Garnier BB Cream per pelli miste e grasse
Kiko Colour Correction Concealer Wheel (verde e arancio)
IllamasquaUnder-Eye Concealer
& Other Stories Caddage Pink

Ciao, matita nera nella rima interna totalmente sparita.
Occhi
Essence Eyebrow Designer 02
Kiko Eye Base
Kiko LLSE 05
Marrone scuro freddo e marrone matte chiaro dalla 72 colori di Fräulein 3°8
Essence Colour Arts Eye Base
Essence Pigmento 02 (Smell the caramel)
Avon Smooth Minerals Kajal nero
NYC Mascara Big Bold

Labbra
Sephora matita labbra Gorgeous Gold
Kiko Super Gloss 114

,

TAG: Books ♥

Giovedì. Il giorno che sulla mia agenda corrisponde al Teasing Thursday, il giorno in cui (quest'anno almeno) parlerò di libri anche qui.
Ne parlo probabilmente troppo, ma i libri mi circondano.
Io li adoro! (Sì, sono bibliomane).
Ora che ho il Kobo nulla può farmarmi dalla lettura compulsiva, anche se la carta resta la mia preferita.

Ma siccome gli ultimi libri che ho letto sono in tedesco (cioè ho capito metà delle cose) e riguardano un carinissimo esame, prendo spunto dal tag che ho trovato da Su un filo di Eyeliner per inaugurare la rubrica!
http://ravenngo.deviantart.com/art/reading-89393986
1. Come scegli i libri da leggere?
Ultimamente mi affido tantissimo a Goodreads (di cui trovate il widget qui a destra, in basso, visto?), ma di solito a seconda del genere, della copertina e soprattutto della sinossi sul retro o in quarta di copertina. Se mi prende quella, è finita.

2. Dove compri i libri: in libreria o online?
I libri li compro quasi esclusivamente in libreria, escludendo gli ebooks. Quelli per ora li scarico da Project Gutenberg (che consiglio a tutte!)

3. Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?
Ahaha. Volete la foto della mia pigna di libri sul comodino, o devo davvero rispondere alla domanda. La scorta aumenta, se anche si smettesse di scrivere, per 5 generazioni ci sarebbe da leggere.

4. Di solito quando leggi?
Quando sono in treno da sola. Dopo pranzo o dopo cena. Qualche volta prima di addormentarmi. Mentre cucino a mezzogiorno. Quando sono in bagno. Spesso, leggo spesso.

5. Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?
Assolutamente no! Se sono piccoli, durano poco, ma pazienza. Se sono enormi durano quasi lo stesso tempo. Quindi...

6. Genere preferito?
Romanzi ottocenteschi. Sani, ben costruiti, con una trama chiara e rettilinea. Qualsiasi cosa si ispiri a questi è ben accetta. Niente bizzarrie novecentesche e niente romanzetti rosa, per favore.

7. Hai un autore preferito?
J.K.Rowling vale come risposta? Non da sola, ovviamente, con lei c'è Calvino, Jane Austen e L.F.Baum.

8. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Gli storici hanno due ipotesi: o quando sono entrata la prima volta in biblioteca per fare la tessera (appena iniziata la prima elementare, un sabato pomeriggio, con mio padre, avevo preso La bella addormentata nel bosco, pessima scelta, lo so); o quando ho iniziato Harry Potter.
Entrambe le tesi sono molto dibattute.

9. Presti libri?
Solo a persone di cui mi fido. Cioè io.
Li presto, ma davvero solo a poche persone. O libri che mi interessano poco e ho già letto.

10. Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?
Fischietta mentre nasconde i segnalibri da 3 libri*. Ovviamente uno alla volta!

11. I tuoi amici/famigliari leggono?
Mia sorella ha iniziato a leggere. Ho vinto anche questa battaglia. Tutti intorno a me leggono!
(Quasi tutti, ma son dettagli).

12. Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?
In italiano di solito al massimo una settimana, se è piccolo pochi giorni. In lingua molto di più. Harry Potter e i doni della morte è durato neanche 24 ore (e ho dormito!).
http://catching-smoke.deviantart.com/art/Hermione-Reading-297256118

13. Quando vedi una persona che legge (ad esempio sui mezzi pubblici) ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?
Quanti sguardi innervositi mi sono beccata sul treno per questo... Io non mi faccio problemi a sbattervi in faccia le mie letture, potreste farlo pure voi!

14. Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvarne uno soltanto quale sarebbe?
Le fiabe dei fratelli Grimm. In tedesco. Così passerei molto tempo a doverle tradurre, quindi durerebbe di più la lettura. Ma che ci farei io in un mondo senza libri?

15. Perché ti piace leggere?
Perché ti piace ascoltare la musica? Prova a rispondere.
Perché mi fa sentire parte di mille altre vite, non vivo solo la mia, ma quella di tutti i personaggi, buoni o cattivi che siano, mi fa viaggiare nel tempo e nello spazio, mi dà la possibilità di creare i personaggi come li voglio io (libri 1, film 0!), mi ha fatto sentire meno sola quando non avevo nessuno accanto.
I libri sono la mia seconda famiglia.

16. Leggi libri in prestito (da amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?
Leggo qualsiasi cosa mi capiti vicina. La bibliotecaria non mi chiede più nemmeno il nome quando deve registrare un prestito.

17. Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?
La compagnia dell'anello. Mi sono bloccata alle cascate, o in un posto simile, e ho mollato. Ma prima o poi vincerò io.

18. Hai mai comprato un libro solo perché aveva una bella copertina, e cosa ti attrae nella copertina di un libro?
Sì, penso di aver comprato Il segreto delle gemelle (Fairy Oak) solo per la copertina. Lo stile del disegno era stupendo.
Di solito mi attrae il font del titolo, o eventuali illustrazioni.

19. C’è una casa editrice che ami particolarmente, e perché?
Amo Feltrinelli, perché il formato dei libri è veramente comodo. In generale sono molto comodi tutti i tascabili. Non quelli Iperborea. Qualcuno mi spieghi il senso di essere alti e stretti. Va bene, sei una casa specializzata in letterature scandinave, ma non ha senso fare i libri a forma di svedese!

20. Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni “al sicuro” dentro casa?
Ovunque. E ora che siamo tecnologicamente avanzati (Kobo Aura HD) non temiamo più nulla!
http://abigaillarson.deviantart.com/art/Amarantha-Reading-144514228

21. Qual è il libro che ti hanno regalato che hai gradito maggiormente?
Pappagalli verdi, che ha davvero cambiato il mio punto di vista su diverse cose.

22. Come scegli un libro da regalare?
Raramente regalo libri “impegnati”. Un libro può essere il regalo da ultimo minuto, scelgo qualcosa di leggero e divertente e impacchetto. Se regalo un libro, è qualcosa che so che verrà letto.

23. La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?
Ordine... Questa parola l'ho già sentita da qualche parte...
Ho libri in doppia fila, alcuni sdraiati sopra gli altri. Come posso averli in ordine?

24. Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?
Solo se rivelano qualcosa di fondamentale, o solo se sono libri per un esame.

25. Leggi eventuali introduzioni, prefazioni e postfazioni dei libri o le salti?
Come sopra. Solo se sono fondamentali per passare un esame.

, , , ,

Haul - È arrivata la Befana!

Il giorno dell'Epifania mi sono dedicata allo shopping. Beh, non solo io, ma era impossibile rinunciare ai saldi.
Sono stata in un Iper, in cui si trovano sia Sephora che Kiko.

Da Sephora ho preso una matita color oro/bronzo, swatchandola era oro scuro. Ho subito pensato che sarebbe stata perfetta con i miei occhi nocciola, ma a casa ho letto labbra. Labbra? Siamo sicuri? Sì. Proprio labbra. Le lascia belle luminose, anche se non colora tantissimo. Invece non scrive assolutamente sugli occhi. (Il nome è: Sephora nano lèvres 01 gorgeous gold)
Promemoria per il futuro: leggi tutto prima di lasciarti tentare dalle scritte “1€”.
Sempre da Sephora ho preso uno smalto Sally Hansen, Complete Salon Manicure nel colore 360 Plums The World. L'ho già indossato, ed è esattamente il colore a cui penso quando si nomina il malva. Non ho mai provato questi smalti e non ne ho nemmeno letto molto a riguardo (se avete qualche review, linkatemela, per farmi un'idea). I colori proposti a 5€ (anziché 10.90) non erano molti ed erano quasi tutti scuri, ma questo colore particolare mi ha veramente colpita.
Infine ho trovato una crema della Yes To con carota, melone, olio di jojoba e mandorla dolce per mani e gomiti a 5€ anziché a 14.50. Quando ho letto che fosse anche per i gomiti mi sono decisa a prenderla, dato che i miei sono particolarmente screpolati (grazie, cloro della piscina!). Già provata anche questa: non ha un profumo particolare, ma rende le mani morbidissime. La confezione è grandina (191g), ma c'era anche la versione solo mani più piccola, sempre a 5€.

Ho cercato di far restare per più di cinque minuti il mio ragazzo da Bijou Brigitte, ma è fuggito urlando alla superiorità di Accessorize su quest'ultimo. Quindi a Milano so dove trascinarlo.

Da Kiko non c'era nulla di nuovo, ma ho visto i pennelli in promozione a 4€ e ho deciso di provare l'Eyes 200, che dovrebbe essere un pennello da sfumatura. Ho letto che a molte pare ispido, ma io non ho ancora trovato questo problema. Dopo il lavaggio vedremo come reagisce.
Ho anche preso uno degli smalti della collezione natalizia a 3,40€, quel verde pieno di glitterozzi (il 441, Illusion Green). Sì, di verdi ne ho tanti. Sì, i verdi e i glitter mi piacciono. Ma era così cariiino!

E questo è tutto.
Probabilmente vi sorbirete un altro haul a breve, la grande città (Milano, ndr) mi attende con i suoi millemila negozi (diciamo che voglio andare da Lush, ecco.)

, ,

Pazienza, ho il Maisenza.

Mentre metà della blogosfera che noi conosciamo era impegnata con pennelli e polveri varie a sfidare l'ennesimo trucco apparentemente impossibile della PaciugoPedia, io ero sulla scrivania a scervellarmi per capire qualcosa delle migliaia di parole in tedesco che sto ingurgitando (letteralmente) in questa settimana.

Ciao ciao, buon proposito di avere sempre un post pronto così da non dover fare di corsa. Ti ringrazio infinitamente, professore pucciosissimo che mi stai rendendo difficile gestire questo piccolo spazio. Spero che tu e Brecht stiate passando una bella domenica pomeriggio.

Io invece, ora, vi racconto di cosa ho comprato a Milano.
Sì, la grande città. Oddio, la città dove passo praticamente le mie giornate da tre semestri a questa parte. Sì, la città dove andrò a fare 'sto dannato esame.
(Me lo ripeterò all'infinito, dovevo andare a lavorare come comparsa per Violetta!)

Sono passata da Sephora in Corso Dante, ma tra le cose in promozione, oltre alla Glinda Palette di UD non ho visto niente di carino. Perché non c'era quella di Theodora? Ah sì, per farmi risparmiare.
Ma esattamente di fronte abbiamo il paradiso degli odori, il luogo della perdizione olfattiva. Lush.

Ho sguinzagliato il mio segugio (sì, tesoro, parlo di te ♥) alla ricerca di Cherubini a fior di pelle, ma era drasticamente finito. Allora ho ceduto al profumo di biscotti. E mi sono presa un barattolino di Maisenza. Il mio ragazzo ha preso le Ardentine (o qualcosa di simile), le palline di dentifricio, con cui abbiamo subito fatto danni.
E c'era Fai Labbrava. È venuto anche lui a casa con me. Se poi leggete attentamente, c'è scritto che i cuoricini sono mangiabili. Ovviamente chi li ha assaggiati? (Si alzano due manine dal pubblico. Le nostre). E la commessa, carinissima, ci ha anche dato una fettona di sapone Dirty da provare.

Siamo andati anche da & Other Stories. L'incubo della mia giacca che fa suonare le porte (se qualcuno mi dice come si chiamano quelle cose che fanno suonare chi si porta via roba) si è avverato. Entrando, suona. Idem da Mondadori. Fortunatamente lì avevano le forbici per tagliare via dalla mia giacca il talloncino magnetico (o quel che è).
Comunque, lì c'erano alcune cose in sconto al 50%, tra cui il blush nel colore Caddage Pink (6€ anziché 12), l'ombretto Matelassé Azure (4.50€ anziché 9) e lo smalto Sarzil Mango (3.50€ anziché 7).

Sono molto soddisfatta dei miei acquisti.
Presto (diciamo finita la sessione invernale, ecco) avrete maggiori notizie su queste cosine.

Buon pomeriggio!

,

Haul Essence. Quando gli acquisti sono dettati dal proprio ragazzo.

Quando ho letto che alcuni prodotti Essence e Catrice sarebbero scomparsi per sempre dagli espositori, una parte di me si è ribellata all'idea di non provarli mai.
Catrice non ce l'ho a portata di mano, ma di stand Essence ne ho due, equidistanti. E come faccio a resistere?

Salutate anche il libro di letteratura tedesca.
Ciao librone!
Il 30 ho comprato un ombretto mono, il numero 02 dance all night (1.99€, se ben ricordo), perché necessitavo di glitter per Capodanno. Volevo qualcosa di glitterato e argentato. Ed è stato assolutamente perfetto! (Se tra le foto ce ne fosse qualcuna decente, vi farò vedere).

Invece giovedì 2 al mattino sono andata da Scarpe&Scarpe. Lì c'è lo stand. E i pigmenti mi hanno chiamata, volevano tornare a casa con me. E anche un paio di smalti. E la matita per sopracciglia. Quasi tutto, insomma. Complice la presenza del mio ragazzo, che se ne intende quasi quanto me di cosmesi, abbiamo girato intorno all'espositore per un quarto d'ora buono; le mie mani erano piene di cose, per fortuna che dovevo solo cercare i pigmenti. 
Questo è quello che ho preso, che probabilmente vedrete presto in qualche makeup. Spero.

Matita eyebrow designer 02 brown (1.99€). I miei capelli sono biondicci, è vero, castano chiaro, ma le mie sopracciglia sono decisamente più scure, e finalmente questa matita l'ho trovata, mentre di solito negli stand rimane quella per bionde e quella nerissima.

3D eyeshadow 05 irresistible blue sky (3.49€) L'ha scelto la mia dolce metà, non io. Con i blu ho un rapporto di Hassliebe, mi piacciono da morire, ma a volte mi stanno da cani. Ma chissene, li metto lo stesso!

Colour & go 138 L.O.L. e 166 mister rusty (1.99€), sono rispettivamente verde acido e color ruggine. Sono entrambi così carini!

Colour Arts eyebase (2.29€) e pigmenti 02 smell the caramel e 18 little mermaid (2.99€): adoro tutto. La base ancora la devo provare, ma da qualche review ho capito che la adorerò. L'azzurro è semplicemente spettacolare, poi.

E questo è quanto ho preso, per ora, con i saldi. A Milano vedrò cos'altro trovo!
Valeria

, , , ,

My Top 5 "You look so GOOD without makeup!" Products

Il tema di oggi sono quei prodotti che fanno arrivare quei complimenti del tipo "Ah! Ma vedi come stai bene anche struccata?", prodotti che ci migliorano senza però essere troppo evidenti. (citazione necessaria)

E infatti parlo dei cinque prodotti che mi migliorano, ma non si vedono. O se si vedono, nessuno me l'ha mai detto.

Parto dalle labbra, il mio MLBB, Cosmo di MAC. Cosmo non è rosa, non è marrone, non è rossiccio. A volte mi sembra malva, ma le mie labbra sono tutto tranne che malva.Sicuramente è un colore caldo, ma non metto in dubbio che possa donare anche a qualche damigella più fredda di me. Quando lo metto mi sento a posto almeno fino al pasto dopo (a meno che non ci sia il mio ragazzo di mezzo, in quel caso non metterlo è uguale).

Altro prodotto che necessito per sembrare presentabile quando non faccio la base è il correttore. Qui vedete l'Under-Eye Concealer di Illamasqua, ma qualsiasi correttore che svolga la funzione di farmi sparire brufoletti e rossori (le occhiaie fortunatamente mi evitano) può sostituirlo. Mi serve per cercare di rendere l'incarnato più omogeneo. E per sembrare presentabile.

Le mie ciglia non mi piacciono. Sono corte e poche. Il mio ragazzo ha dei ventagli. Vorrei un trapianto di ciglia. Ma per avere ciglia come le sue, mi basta usare il Ciglia Finte di Maybelline, che le allunga, le incurva, le volumizza, ma restando nei limiti del normale, non facendole sembrare dei pastrocchi finti, a discapito del nome.

Sempre per gli occhi, necessito di aprire lo sguardo. Non ho occhi allungati da gattona, né occhi grandi da cerbiatto: ho i comunissimi occhi di taglia media, non incavati, con il normalissimo color nocciola. Ma, aggiungendo un pizzico di matita nera nella rima superiore, lo sguardo si apre! Ma nessuno saprà mai il mio trucco per cerbiattarmi! (Ops, era lo scorso dramatag. Ehm...)

Infine, il blush dall'effetto più naturale che il mondo abbia mai conosciuto, il Revlon Photoready nel colore 100 Pinched. Un rosa chiarissimo pescato, che illumina le guance e dà un pizzico di colore. Proprio poco, nel mio caso.

Quali sono i vostri cinque prodotti che vi fanno belle ma non si vedono? :D
Scrivetemeli qui e non dimenticatevi di taggare Drama'n'Makeup! (E stavolta Robi, che ha ideato il tag :D)

, , , , , , , , ,

Elsa (Frozen) Inspired ❄

Tutti hanno il diritto di sentirsi principessa, non importa quanto grandi, piccoli o qualsiasi altra cosa che potrebbe farvi desistere. (aprite il link che c'è cliccando su "tutti", poi tornate qui. Daiiii)
E tutte le principesse saranno regine, almeno secondo la Disney.
Ed è al 53° classico che mi ispiro, ovvero Frozen – il regno di ghiaccio (mai traduzione fu peggiore).

Salterò la parte in cui mi lamento della traduzione pessima e delle voci italiane, che hanno rovinato la magia di Idina Menzel. La salto.
E arrivo a Elsa, la regina delle nevi, ma anche la sorella da salvare.
Elsa è un personaggio con una profondità incredibile, con un potere che esplode dopo anni di tentativi per tenerlo nascosto. Non farò altri spoiler, ma lasciatemi dire questo:
Conceal it. Don't feel it. Don't let it show.
Lui è Hans. No, non sta con Elsa. Ma è l'unica immagine in cui si vede bene il suo trucco :D
Elsa ha sicuramente meno cambi d'abito della sorella Anna, ma sono più “radicali”, come si vede nella canzone Let it go.
La cosa che però più mi piace di come la hanno disegnata è che, stranamente, non è truccata di blu. È la regina delle nevi e non è truccata di azzurro, blu o bianco con glitterini, ma di viola. E le sta incredibilmente bene!

Ho cercato di riprendere il suo trucco, per quanto possibile, ma non ho gli occhi azzurri e i miei capelli sono più simili a quelli di sua sorella Anna, per cui l'effetto finale è tipo “Ecco come apparirà una futura erede al trono di Arendelle dopo che Elsa avrà sposato uno spagnolo/italiano...”.

Ma meglio passare alle foto...


Anna (Elsa):
'Cuz for the first time in forever, (I'm such a fool, I can't be free)
You don't have to be afraid (No escape from the storm inside of me)
We can work this out together (I can't control the curse)
We'll reverse the storm you've made (Anna, please! You'll only make it worse!)

Chiamatelo spoiler, ma avete avuto tutto il tempo per vederlo. Ts.


Avendolo fatto io, è di una semplicità incredibile: basta sfumare varie tonalità di viola assieme, aggiungere un po' di nero, tanto tanto mascara, e labbra scure (o almeno, il colore era scuro, ma le mie labbra lo hanno schiarito).

Prodotti usati:

Occhi
Eye Base Kiko
Viola da una trousse Deborah
Lilla, viola e nero dalla 120 colori di Fräulein 3°8
Kajal bianco Essence

Labbra
Lipgloss vinaccia da una palette BeChic

Viso
Illamasqua Light Liquid Foundation 200
Illamasqua Under-Eye Concealer 200
Elf Clarifying Powder
Blush dalla palette BeChic
Fiocchi di neve!
Non c'entra niente con l'epifania, ve lo assicuro!
Valeria

, , , , , , , , ,

PaciugoPedia #9 - Verde e borgogna, e altri colori.

Questa puntata della PaciugoPedia (dopo qualche assenza, ehm, recupererò) potremmo anche definirla quella del pomeriggio in cui aveva appena smesso di nevicare e Valeria non si è ricordata di mettere il mascara. Me ne sono accorta struccandomi.

I colori mi sembra di averli riprodotti fedelmente, la sfumatura non proprio, ma miglioreremo. Anche l'eyeliner stranamente non mi fa venire voglia di buttare tutto fuori dalla finestra.
Giudicate voi.

Due paroline su come l'ho realizzato: ho applicato il primer, poi al di sopra della piega, quasi come un cut crease, ho messo il borgogna, poi ho applicato il nero all'angolo esterno e ho iniziato a sfumare, infine il colore chiaro al centro della palpebra. Vi direi come ho messo il mascara, ma non c'è. Shame on me. E Angie A. ha pure messo le ciglia finte.



Prodotti usati
Occhi
Eye Base Primer Kiko
Pupa Vamp! Cream Eyeshadow 501 (borgogna)
Nero e borgogna (sopra l'ombretto in crema) dalla 120 colori Twist and Calm Fräulein 3°8
Astra Soul Color 13 Creamy
Essence eyeshadow 02 dance all night
Glamorous Eye Pencil Kiko 412 (verde)
Got Beauty matita occhi 2 (nero)
Essence eyeliner pen

Viso
Essence eyebrow designer 02
Maybelline dream fresh BB Cream
Illamasqua Under-Eye Concealer 200
Blush fuchsia dalla 28 colori di Fräulein 3°8

Labbra
Avon Amethyst gold

Gli altri paciughi li trovate qui!
#1
#2
#3
#4
Follow PaciugoPedia #9 by Sara T. on Pinterest

, , ,

Empties ♥ Novembre - Dicembre 2013

 Dovrei fare ogni mese questo tipo di post, ma ultimamente ho dimenticato di tenere i flaconi degli shampoo e a novembre avreste visto solo veline e dischetti struccanti, che non sono esattamente ciò che riempiono i post.

Cominciamo appunto dalle veline, che non hanno niente di particolare, se non che sono morbide.

Dischetti e quadrotti di cotone di Quando è solo per te: li uso per struccarmi, e funzionano. Sono morbidi e non si disfano, ma per il resto, sono come tutti gli altri.

Blush senza nome, che possiedo da secoli. In realtà è un duo, ma il colore rimasto è talmente rosa cipria che nemmeno a una bambola di porcellana starebbe bene. Quello che ho finito era tra l'arancio e il corallo, mi dava un bel colorito sano. Ne cercherò uno simile, magari con un nome.

Mascara, credo, dell'Avon, con il nome meno evocativo di sempre “Lash Mascara”. Non è finito, ma si è seccato. Non ha mai fatto nulla alle mie ciglia, quindi non mi dispiace cestinarlo.

Infine, il correttore in penna che ha reso più felice la mia estate, lo Stay Natural di Essence nella colorazione 02 Soft Sand. Da settembre era stato un po' abbandonato, poi l'ho ripreso per finirlo.
Non è un granché, non copre molto bene, e anche con l'abbronzatura si vedeva che non era proprio proprio il mio colore.
Avevo decisamente esagerato con il voto qualche mese fa; avendolo spremuto per bene più di 7 non lo può proprio prendere.

Cercherò di essere costante anche con questa rubrica, se il cielo sarà clemente.
Valeria

Follow by Email

Followers

ChocolateMakeup. Powered by Blogger.