Are you looking for something?

Bloglovin

Follow on Bloglovin
, , , , , , , ,

Six for you: Halloween Special

Come with me to the Emerald City...
E voi non ve ne accorgerete, ma vi riempirò alla nausea di citazioni di Wicked. Ad nauseam, esattamente. Perché quest'estate me ne sono follemente innamorata.

In questo post halloweeneggiante proporrò la mia versione del makeup ispirato a quelli proposti da Illamasqua, in particolare quello verde. Ce l'avete presente?
Ecco. Lui.
Beh, appena li ho visti ho pensato a Elphaba. Probabilmente Wicked sta diventando un'ossessione, ma è così dannatamente bello!

Veniamo ai dettagli: nonostante il giorno dopo aver lavorato sul look avessi visto da Accessorize una crema per il viso verde (Elphie ha la pelle verde, ndr), non ho rifatto il look. Credo che sia un look “ispirato a”, non totalmente fedele (ma sì, la crema verde la comprerò, prima o poi).

Ringraziamo i programmi di editing digitale per avermi “greenified”

Ma la domanda che tutte vi state ponendo è “Che c'entra 'sto musical con Halloween? Si parla di una strega, ma di streghe ce ne sono tante...”. Eh no, questa strega questo Halloween festeggia dieci anni di presenza sui maggiori palchi mondiali, ha calcato le scene in quattro lingue e presto lo farà in altre. Il 31 ottobre 2003 nasceva un fenomeno musicale, consacrato dalla voce di Idina Menzel (tanto amore per lei.)

Per spaventarvi, è pur sempre Halloween, vi avviso che non sarà l'unico post ispirato a Wicked. Avete paura, né?
Solo trucco, senza cappello, maglia nera e tutto il resto.

There'll be such a wooppy-doo, a celebration throughout Oz that's all to do with you!

You'll be popular, just not quite as popular as me!

(nota per gli ignari lettori: in Popular, canzone simbolo di Galinda, lei dà a Elphaba la sua molletta rosa per farle vedere che può essere carina anche lei, nonostante la pelle verde. Credo che Elphaba sia molto attaccata a quella molletta.)

Dopo svariate colorazioni agli occhi, ecco che sembrano quasi quelli dell'immagine Illamasqua.
Avrei dovuto fare la riga di matita più sottile, ma ormai è troppo tardi.




Labbra colore naturale, col resto in bianco e nero.

Piccoli aiuti di un filtro freddo, per farvi vedere bene il contrasto verde-nero.

 
Meno terrificante, nè?
Anche se, effettivamente, Elphaba ha gli occhi scuri (muahaha)


Valangata di quadrotti usati per struccarmi.
Questo fa veramente paura.


Prodotti viso (aka “Did that really just happen?):
Primer verde Skin Tone Correction Kiko
Light Liquid Foundation 200 Illmasqua
Under-Eye Concealer 200 Illamasqua
Clarifying Pressed Powder Light Beige E.l.f.
Bronzer Sun Kissed E.l.f.

Prodotti occhi (aka “I think I'll try defying gravity):
Eye Base Kiko
Verde scuro dalla 120 colori di Fräulein 3°8
Kiko Infinity Eyeshadow 260
Matita nera Avon Smooth Minerals Onyx
Kajal Pencil Essence White
Mascara Maybelline Ciglia Finte Look Piume
Kiko Luxurious Lashes maxi brush mascara

Prodotti labbra (aka “You know, black is this year's pink!”):
Matita nera Avon Smooth Minerals Onyx
Kiko Infinity Eyeshadow 260

Beh, le foto fanno un po' schifio perché son venute sfocate (mannaggia a me!) ma spero che si veda l'effetto.
Mi sono sentita abbastanza strega, ma vi ho risparmiato il tentativo di stregare una scopa per volare. Sono buona, in fondo. Ma non buona come Glinda!

Valeria

Fermi! Alt! Non ci sono solo io! Vi ricordo che oggi stesso sui blog di Liz, Lucia, Marta, Stefania e Viviana troverete il loro "Halloween Special". Da brividi!

Pacchettini dispersi in provincia

La settimana scorsa, con qualche problema di indirizzi non segnati perfettamente sul form d'iscrizione, ho ricevuto un pacchettino con tre prodotti Debby, "ricompensa" per aver visto la miareview pubblicata sul loro sito.
Beh, sinceramente non ci speravo che venisse molto calcolata, ma evidentemente mi sbagliavo!

Nel pacchetto erano contenuti il mascara Volum'experience nero, il gloss KissMYlips nella colorazione 10 Tempting Lips (aka rosa Glinda) e lo smalto Colorplay 48, che non riesco a trovare sul loro sito. [Forse è parte di una vecchia edizione – suppongo – natalizia?]

Da sinistra a destra:
Colorplay 48, bordeaux con glitterini rossi che in foto non si vedono.
KissMYlips 10, esiste un rosa più rosa bambola?
Mascara, solo per dimostrare che è nero.
Ho già provacchiato un po' tutto, ma non ho ancora le idee esattamente chiare.
Presto però saprò già dirvi di più, soprattutto sul gloss.

Valeria

Teasing Thursday #1 ♥ A volte ritorno

Inizio oggi una nuova rubrica, che chiamero “Teasing Thursday”, in onore al Teasing Tuesday che ho scoperto con un'adorabile pagina facebook (visitatela!), ovvero ogni giovedì in cui avrò un libro/film/qualcosa di interessante da consigliarvi, ma principalmente libri, che non sia prettamente collegato alla cura di se stesse ma alla cura dello spirito, lo farò tramite questa rubrica. Ovviamente, se anche voi conoscete dovete dirmi che ne pensate.

Okay, ora passiamo al libro che muoio dalla voglia di consigliarvi.

(*) Premessa necessaria alla lettura: io sono cattolica. Cattolica di quelle convinte, che crede al Paradiso e a tutto il resto, che parla con Dio (nel senso di pregare, non ho ancora avuto le visioni!), che non offende le altre persone e tutto il resto. Okay, forse per molti non una “buona” cattolica: dico parolacce, non sono omofoba, non sono razzista, non sono contro l'aborto, non sono contro le unioni di fatto etc etc... Anzi, sono convinta che dovremmo svecchiarci un po'. Ma pazienza, ognuno fa quel che può.

Sì, qui Gesù è moro. Ma vi giuro che lo descrivono come biondo. E come un figo pazzesco.
Questo è esattamente il tipo di libro che ti fa pensare. È esilarante, comico a livelli stellari, ma ti lascia dentro quella domanda, la domanda: “ma sei sicuro/a di aver sempre capito le cose nel modo giusto?”

Evitando di spoilerare a destra e a manca la storia, dico solo che dopo una settimana di vacanza Dio torna in ufficio (per noi sono circa 500 anni); era partito in pieno Rinascimento e torna dopo due guerre mondiali, secoli di persecuzioni razziali verso tutti e inquinamento a tutto spiano. La situazione non va bene, così dopo una riunione coi pezzi grossi, un salutino a Maometto, un paio di canne e una visitina a Satana, rispedisce giù il figlio. Gesù. Un Gesù bello come una rockstar, biondo con gli occhi azzurri come un lago di montagna, bello come il padre, che però ha i capelli scuri, sale e pepe. Okay, Chris Hemsworth e Robert Downey Jr. (con gli occhi azzurri, però).

Dio e Gesù non sono come ce li si aspetta, non sono bacchettoni, ma vogliono solo dirci “Fate i bravi”. Nulla di più. Niente odio, niente milioni di diverse confessioni che litigano su chi abbia più ragione, solo fare i bravi. Non è roba da poco, però. Bisogna aiutare il prossimo, chiunque esso sia, giovane o vecchio, malato o sano, con un passato difficile o con una vita tranquilla. Tutti.
Di certo non è il libro che farei leggere a una suora vecchio stampo, ma nemmeno ai miei genitori, che per quanto aperti siano, troverebbero l'atteggiamento divino troppo esagerato, troppo rock. I miei non sono tipi per niente rock. Nemmeno io, io vivo nel mondo delle principesse Disney o di Harry Potter, ma chissene, almeno la vita rock la riesco a concepire!

Non voglio dire di più. È scritto davvero bene. È leggero, vola via in pochi giorni (è stata la mia lettura da treno, lo ammetto), fa ridere e mette di buonumore. Confesso che la lacrimuccia è scesa in un paio di parti, ma l'ho subito riacchiappata.

Qui trovate cosa ne dice Wikipedia in proposito, naturalmente c'è tutta la trama, quindi non andate a sbirciarlo. Fidatevi di una che ha divorato 381 pagine in 3 giorni, contando che erano giorni pieni di lezioni.

Vi lascio con un paio di frasi ad effetto dal libro, per tentarvi.

La prima non è dell'autore, ma di Bill Hicks: “Secondo voi quando Gesù tornerà sulla Terra avrà voglia di rivedere una croce del cazzo? Andateci voi da Jackie Onassis con un ciondolo a forma di fucile...”. È nella pagina iniziale, prima che inizi la storia, prima che Dio torni dalla settimana di pesca. Ci proietta già nell'atmosfera adatta.

La seconda è verso la fine: A un certo punto Dio esclama: -Cazzo, guarda qua! - poi ferma l'immagine e zooma sulla panoramica di Times Square piena di gente, fino a inquadrare una signora sovrappeso che sgomita nella folla della pausa pranzo. Ormai la faccia della signora è in primo piano, ma Gesù non ha ancora capito cosa ci sia di tanto interessante, finché non vede il ciondolo appeso alla collanina che la donna porta al collo. Una siringa d'argento. - Oh cazzo, no, ma scherziamo? - dice Gesù.”

Non vi dico di più! Promesso. Giurin giurello. Acqua in bocca.
Solo, passate dalla Feltrinelli, lo troverete al 25% di sconto (da 12.50€ a 9€ e qualche moneta, quindi correte a prenderlo!).
A volte ritorno, di John Niven.
Dai, so che lo volete leggere!

Valeria

, ,

Revlon Photoready Cream Blush

Il prodotto di cui parlo oggi è un capriccio cosmetico che risale ad aprile, prima che aprissi il blog. Come spesso capita coi capricci, non sono stata io a sborsare ma la mia cara mammina, convinta che il colore scelto fosse deciso e non tenue, come questo in realtà è.

Revlon Photoready cream blush nella tonalità 100 Pinched è un blush in crema assolutamente color pesca. Si presenta in una confezione di plastica molto resistente (anche alle cadute), con un tappo nero su cui si trova l'etichetta, sollevabile per leggere non l'INCI come ci si aspetta, ma alcuni dettagli che indicano che è prodotto negli Stati Uniti, ma con componenti anche non prodotte negli States. Non è indicato nemmeno il PAO, ma solo il peso, di 12.4 grammi.

Mi aspettavo l'INCI, ma nulla, solo cose molto poco utili.
Il sito dice:
Fard in crema per un tocco di colore fresco e vitale.
La sua formula setosa e la facile applicazione permettono di ottenere un risultato dall’effetto fresco e naturale.
- Può essere applicato con il pennello per un effetto più intenso, o con i polpastrelli per un risultato più leggero, donando il giusto tocco per scolpire gli zigomi.
- Impeccabile per tutto il giorno

La tonalità 100 è la più chiara tra quelle disponibili (un fucsia e un rosso acceso sono le altre) ed è anche la più controversa, secondo me. Nella confezione presenta alcuni glitter, che però spariscono sulla pelle, lasciandola semplicemente luminosa. Non posso dire che sulla mia pelle si veda, ma sicuramente illumina e sveglia la pelle anche smorta, un illuminante che risulta molto naturale. Non è un blush carico, un colore che si nota e che fa parlare di sé, è piuttosto il passe-partout mattutino quando non voglio esagerare col colore. Non so come sia l'effetto sulle pelli più chiare o più olivastre, nemmeno so come stia con le pelli fredde, dati i glitter dorati. Il consiglio è di provarlo da voi!

Swatch sulla mano, una passata molto decisa.
Il metodo migliore per applicarlo è sicuramente con le dita, sfumandolo poi per non lasciare la strisciata di colore. Anche con un pennello a setole piatte non è male, ma rimane ancora più sfumato e impalpabile, non deciso come dice il sito. Dopo averlo applicato non si sente assolutamente sulla pelle, è impercettibile e leggero.
La durata non è eccezionale, sulla mia pelle dura due/tre ore in una normale giornata universitaria, poi devo applicare nuovamente qualcosa sulle guance.

Sulla guancia sparisce subito, però.
Piccolo difetto: la puzza chimica che ha. Non ha un profumo di caramella/marshmallow tipico dei prodotti di profumeria con INCI non proprio perfetti (immagino che non sia perfetto, a pelle), ma questo mi ricorda proprio la plastica calda.

È stato acquistato presso un Tigotà al prezzo promozionale di 10€ anziché di 13,90€ come consiglia Revlon. Credo sia acquistabile presso tutte le profumerie con stand Revlon.

Voto finale: 7/10.
Non è un prodotto proprio terribile, però non è nemmeno il migliore della categoria. Il colore è fantastico, ma non si nota, quindi per molte potrebbe risultare “inutile”. Inoltre la durata non è di tutto il giorno, ma di poche ore.

Spero che vi sia stata utile!
Valeria

Six for you: We love eyeliner (ep.1)

Ogni mese porteremo avanti due tipologie di post differenti; la prima, che abbiamo chiamato, 
"We ♡ .."
consiste nel scegliere ogni mese una tipologia di prodotto, ed ognuna di noi sei, farà la recensione del proprio preferito. Per esempio per il mese di ottobre abbiamo selezionato "l'eyeliner nero", ognuna di noi quindi parlerà del suo eyeliner preferito, facendo una vera e propria review. Sarà interessante leggere tutte le risposte, confrontandole per avere più pareri sulla categoria di prodotto scelto, e anche utile, per chi dovesse essere interessato ad acquistare quel particolare prodotto, per avere delle proposte, dei consigli che non sono dati a caso: insomma sono i nostri prodotti preferiti!
La seconda proposta invece è:
 "Six for You...Special"
Ogni mese sei donzelle sceglieranno un'occasione particolare e vi mostreranno le loro idee per vivere al meglio quel periodo dell'anno.
E se in vista non c'è nulla di particolare, si perderanno in frivolezze raccontandovi quali sono i loro prodotti preferiti di vari brand, come se stessero chiacchierando con voi.
Ognuna di queste fanciulle vi potrà mostrare un make up completo, una proposta di outfit, un modo per decorare la casa, un prodotto particolare, il suo cibo preferito, che libri legge in quel periodo... Avrete così ben sei punti di vista sullo stesso argomento che, diciamocelo, danno una visione a quasi 360°.
La prima occasione è Halloween. Direi che si capisce da subito che ci potremo sbizzarrire!

Ovviamente questo è il banco di prova della rubrica, essendo la prima puntata, potremo modificarla leggermente, organizzarla meglio anche seguendo i vostri consigli! Quindi non siate timide e diteci tutto quello che vi viene in mente sulla rubrica..
O lo ami o lo odi.
Non parlo dell'eyeliner in generale, che trovo dia all'occhio quella marcia in più che tanto piace a noi donne, facendo apparire in nostri occhi sia come enormi occhioni da cerbiatta innocenti sia come affilati occhi da gatta seduttrice, semplicemente a seconda della linea; quello che “o lo ami o lo odi” è il mio eyeliner preferito, se così si può dire.

Non sono un'esperta in questo campo, perché preferisco una matita nera sulla palpebra fissata con una buona dose di ombretto all'eyeliner, ma siccome non posso negare che l'effetto sia diverso, possiedo anche io alcuni eyeliner.
Non sono molto brava con i liquidi e quelli in gel ancora non li ho provati, ma la pace dei sensi me la danno quelli in penna. In particolare lui: Kiko Ultimate Pen – long wear eyeliner.
Eyeliner in penna, PAO 6 mesi, 1ml di prodotto, punta in feltro, con una parte gommosa per una presa migliore. E fin qui tutto a posto.
Chiedo perdono se le foto non sono perfette.
La giornata era uggiosa, la luce quindi pessima, e non ho potenti strumenti.
Non sono riuscita a fotografare decentemente la punta, quindi vi rimando al link del sito.
Il problema di questo prodotto è che scrive quando ha voglia lui. Innanzi tutto, va sempre tenuto a testa in giù, altrimenti la punta si seccherà inesorabilmente. Poi non bisogna scordare di avere la palpebra assolutamente secca: appena un po' oleosa e l'eyeliner vagherà per tutto l'occhio.

Il consiglio è di stenderlo sopra la base e poi fissarlo con un po' di ombretto nero, se volete che resista tutta la giornata.
Il sito dice di applicarlo prima delle polveri, cosa che condivido in parte. Quando ho voglia di truccarmi seriamente, applico il primer, poi l'eyeliner, poi ombretti vari. Se sono di fretta, salto il primer e l'eyeliner va sopra quello, perché altrimenti sembra “svanire”.
Foto fatte alle 16 circa di pomeriggio tornata dall'università.
Mentre l'ombretto è "svanito", lui resiste. Sbiadito, a pezzi, ma resiste.
Eroico, lo definirei.

Per stenderlo ugualmente su entrambe le palpebre servono pazienza, gomito appoggiato, luci perfette e un pizzico di miracolo.

Ormai lo ho da quasi un anno, quindi il PAO è passato, ma non ha cambiato odore e consistenza. Anzi, a momenti lo trovo migliorato.
Quello che devo fare ogni volta dopo l'uso è pulire la punta con una velina, altrimenti la scrivenza dell'applicazione successiva sarà un disastro.

Questo è l'effetto che tutte vorremmo ottenere con una passata.
Sulla mano una passata è così, sugli occhi non proprio.
(non ho foto degli occhi appena truccati perché alle 6.30 la luce non è ottimale XD)

Ricapitolando!
Questo eyeliner in penna non è una ciofeca vera e propria, ma bisogna prendere accorgimenti per usarlo, tra cui palpebra asciutta e confezione conservata a testa in giù.
L'effetto appena messo è molto intenso, ma sbiadisce con le ore.
Per le neofite dell'eyeliner, che hanno problemi con i pennellini dei liquidi e per cui il gel è uno step in avvicinamento, non è male come prodotto.

Il costo è di 6.90€.
La reperibilità è nei negozi monomarca, che spuntano ovunque come funghi, o tramite store online.

Voto finale: 7/10
Miglioriamo la scrivenza e siamo perfetti

Valeria

Ma non sono sola!
Ecco qua le mie sei cinque colleghe (si vede che troppa università brucia i miei neuroni T-T)
Lucia, Viviana, Marta, Stefania e la donna che ci ha "creato" questa collaborazione tra blogger, Liz.

Cliccate sui loro blog e oggi oggi vedrete il loro articolo.
Baci ♥

Il mio primo ordine Illamasqua ♥

Sconti al 60% per gli iscritti e “Tanti auguri, ti facciamo un altro 15% di sconto” sono il mio nuovo nemico numero uno, sorpassando i piccioni.
Beh, ma nel caso di Illamasqua credo che qualunque pulzella sorriderebbe comprensiva.

In occasione dello sconto del 60% avevo già iniziato a spulciare i prodotti interessanti, volendo provare assolutamente qualcosa del brand inglese. Poi, due giorni prima del mio ventesimo compleanno, ecco che arriva la mail che mi ha portato verso la perdizione, con un codice del 15% di sconto ulteriore. La frittata era ormai fatta.

Supportata dal mio fido compagno d'avventure (aka il mio fidanzato), ho proceduto a fare l'ordine.
Ho preso: un fondotinta, un correttore, due smalti e una matita.

Passiamo ai dettagli degli sconti (yay!)
Con 33.25£ totali, comprensive di spese di spedizione da 12£ causa presenza di smalti, ho portato a casa un bottino per il valore di... 87£ (sempre contando le spese di spedizione).
Sì, mi sento come in “Pazzi per la spesa”, ma la sensazione è stupenda.

Adoro l'impacchettamento!
Il "nido" nero, oltre che proteggere, fa anche scena u.u
Ieri sera il mio ragazzo mi si è presentato con un pacchetto nero. Al momento non avevo capito cosa fosse, anche perché tra l'inizio dell'università, il tirocinio e varie altre cose mi ero quasi dimenticata dell'ordine in arrivo.
Ho aperto il pacchetto e avrei voluto subito provare tutto, ma mi sono trattenuta. Per ora.

Under-Eye Concealer 200
Non ho trovato swatch online (non che abbia cercato tanto), quindi mi sono affidata al colore che sembrava più simile alla mia pelle.
Aranciato e non troppo dissimile dalla mia pelle, apparentemente si mimetizza subito (ma non l'ho provato ancora bene). La consistenza è cremosa.
Non so se funzioni bene anche con le imperfezioni del viso, tra qualche tempo saprò dirvi.

Fine Pencil Uncanny
Matita color caramello scuro, se si può definire così un marrone chiaro caldo, molto più chiaro del cioccolato, ma diverso da rame o bronzo. Lo swatch è molto fedele. La mina sulla mano è dura, ma la scrivenza è alta e non fa male quando la si applica nella rima interna (avevo paura che essendo dura fosse stata fastidiosa).

Light Liquid Foundation 200
Avendo scelto il 200 per il correttore, credo che prendere il fondotinta corrispondente fosse la scelta più semplice. Ho scelto la formula più leggera perché la mia pelle, nonostante sia decisamente a tendenza acneica, non ha molto da coprire (e per i brufoletti o rossori il correttore è sufficiente).
Domani credo lo proverò. Un'intera giornata a Milano la considero un buon banco di prova.

Swatch di matita, correttore e fondotinta.
Fuori piove, il cielo è grigio e non so fare foto :D
Nail Varnish Duo Throb and Spartan
Inizialmente non sapevo se prenderli, Spartan mi piace così taanto (i glitterini dorati mi portano già due mesi avanti) e alla fine da solo erano 5£, con Throb erano 7.50£...
Throb è un rosso intenso, come una mela matura, una ciliegia, le labbra di Biancaneve nella versione Disney del '39...
Spartan è un agglomerato di glitter dorati all'ennesima potenza.
Durata e finish dovranno attendere.

Spero che vi sia stato utile!
Avrei preferito fare prima questo post, ma non avendo niente sottomano non potevo scrivere di “cosa mi arriverà”.
Perdonate le tante foto, tutte con luce caccosa, ma qui piove e non volevo aspettare per farvi vedere!

Valeria

Follow by Email

Followers

ChocolateMakeup. Powered by Blogger.